Sintesi 13 Gennaio I° Modulo Formativo

13 gennaio, 2018

Post By : Ciccio M.

Il secondo giorno del percorso formativo del progetto Costruire Speranza 2, inizia con la relazione dell’Avv. Demetrio Spanti, collaboratore attivo del progetto nonché esperto in gestione dei beni confiscati, facendo emergere l’importanza della restituzione  dei beni alla società civile, ripercorrendo le storie dei tanti utilizzatori di questi beni in Calabria.

La mattinata prosegue con l’intervento, fuori programma, di Don Ennio Stamile,  il quale ribadisce che il progetto Costruire Speranza passi attraverso l’impegno per la legalità, che è l’impegno e la pratica  dell’osservanza delle regole del bene comune, citando Don Ciotti conclude che la “ conoscenza della realtà è la base della resistenza alle mafie”  incitando gli animatori delle legalità di evitare di credere alle opinioni vaghe.

L’ultimo ospite a conclusione della due giorni formativi è S.E. Mons Francesco Savino, Vescovo di Cassano allo Jonio che da subito si rivolgendosi agli animatori provocandoli con un invito a collaborare alla realizzazione di una Pastorale Generativa che parta da una domanda: “ da che parte oggi la Chiesa vuole stare? Non è più il momento della neutralità” continua dicendo che – se la formazione non diventa carne, storia, scelta di vita, il rischio è sempre quello di rimanere dentro un perimetro e non essere capaci di romperlo e uscire fuori.

L’impegno dei giovani animatori della legalità è quello di  valorizzare i propri territori,  e citando il Cardinale Ballestrero conclude il suo intervento dicendo che: anche la denuncia è un annuncio di salvezza.

 

 

Questo sito fa uso di cookie per migliorare l'esperienza di navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull'utilizzo del sito stesso. Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti. Può conoscere i dettagli consultando la nostra Cookie Policy e la nostra Privacy Policy. Proseguendo nella navigazione si accetta l'uso dei cookie; in caso contrario è possibile abbandonare il sito.